06/08/18

Porchetta di Ariccia

Abbiamo vissuto i lunghi anni del berlusconismo. Intanto il Paese cambiava e non credo in meglio. A quel fenomeno politico, sociale e di costume seguì il renzismo, sommatoria degli aspetti peggiori del berlusconismo ma in chiave "progressista e riformista". Per fortuna durò poco. Parlo ovviamente dell'aspetto politico. La contaminazione del sociale, del costume e del pensiero da parte dei due fenomeni, richiederà invece decenni per essere bonificata e non è assicurato il successo.


Oggi c'è il nuovo che avanza. Ma sa già di avanzato, rancido, vecchio. Almeno una parte di esso è roba già vista e, soprattutto, pessima. Brandiscono simboli cristiani e sventolano vangeli durante i comizi, addirittura sgranano rosari durante il giuramento al Quirinale. Ed hanno già depositata, alla Camera, la proposta di legge per rendere obbligatoria l'esposizione della croce nei luoghi pubblici: scuole, università, accademie, carceri, uffici pubblici tutti, consolati, ambasciate.

E nei porti, naturalmente anche in quelli chiusi ai disperati raccolti in mare da quei senza dio delle Organizzazioni non governative. Ironia vuole che i firmatari della proposta di legge siano gli stessi che hanno chiuso i porti. Personcine devote, pie, caritatevoli soprattutto.

Si dovrà esporre la croce in modo ben visibile e chiunque si sottrarrà all'obbligo, sarà passibile di una multa fino a mille euro. Dicono quelli che si sono pappati ben 49 milioni di soldi pubblici ed un dio che li fulmini non lo trovi manco a pagarlo! La cosa non è certamente nuova. Anzi nel centrodestra sta storia del crocifisso è un'ossessione.

E' un simbolo fortemente identitario, dicono. Un po' come la porchetta di Ariccia.

4 commenti:

  1. E che ti hanno fatto la polenta uncia e i pizzoccheri?
    Sudista!

    A questo punto non era meglio Chiara Maci come ministro?

    Qualcuno può spiegargli che ciò che fa non è decoroso?
    Ché poi succede il disastro del secolo e tu, ministro, ti sei sparato un selfie coi gamberetti.

    RispondiElimina
  2. Purtroppo se la pittura bianca che hai non è sufficente devi mescolarla con quella nera che hai e il risultato dipende da quanta ne devi usare per i tuoi scopi. Ricordo, a proposito di crocifisso, una scenetta del mio passato: al mio arrivo in una classe ho trovato il crocifisso girato con la faccia verso la parete e alla mia richiesta di spiegazioni mi è stato detto che "Tizio si stava vestendo dopo educazione fisica e manco Cristo doveva assistere a tanta schifezza!" Solo gli adulti hanno la capacità di trasformare un simbolo religioso in una "ossessione".
    Ciao Carlo, Anna

    RispondiElimina
  3. A me un pò di vecchio tipo la distinzione fra destra e sinistra non dispiaceva

    RispondiElimina
  4. Mio zio era un missionario in Africa, per la precisione in Tanzania. Non ha mai pensato che il bene dei suoi fratelli consistesse nel venire in Italia e anzi si addolorava nel veder prendere piede i costumi occidentali.
    Credo che l'approccio all'accoglienza non sia esente da un concetto di presunta superiorità occidentale.

    RispondiElimina

Non fare commenti come "Anonimo". Vai su Nome/URL ed inserisci il tuo nickname nel campo "nome". Se non hai un blog/sito lascia vuoto il campo URL.