28/05/13

Che botto!

In tanti commenti lasciati nei blog amici ed in alcune discussioni tenute in questo spazio, sostenni che le scelte fatte ed i comportamenti assunti dagli eletti in Parlamento del Movimento 5 Stelle, dopo le recenti elezioni nazionali di febbraio, scelte discutibili e, per quanto mi riguarda, criticate aspramente, le avrebbero pagate in termini di successi elettorali futuri.
Appunto! Hanno fatto il botto ma non è come il precedente, quello con il quale annunciarono l'avvio della conquista del Paese, grazie ad un "popolo elettore" pronto per essere sparato verso un futuro magico e radioso! E' un botto diverso ed annuncia che sono bastati 3 mesi per dimostrare quanto sono fasulli. Ed ora divampa la polemica, soprattutto interna! E' colpa di quelli, è colpa di quegli altri... bla bla bla.

20/05/13

Bel capolavoro!

Chi frequenta questo blog già da tempo sa quanto ho detestato, fin dal giorno del loro insediamento, il precedente Governo dei sobri tecnocrati e contestato, con forza, le loro pseudo-eque riforme. Uno tra i ministri più detestati fu, manco a ricordarlo, la ministra che piangeva mentre massacrava i lavoratori. Qualcuno fu turbato da quelle lacrime che io, invece, interpretai come sfogo di un'insostenibile intenso godimento! Ebbene si, si può piangere anche per un eccessivo godimento e non l'ho inventata io l'espressione "piangere di gioia"! Le recenti elezioni nazionali dovevano essere l'occasione che i lavoratori avevano, per riscattarsi dalle umiliazioni patite in quel breve ma funesto periodo di governo e restituire un po' di dignità alla loro vita di lavoratori e di esseri umani.

15/05/13

Mi arrendo!

Basta mi arrendo, sto sventolando bandiera bianca! Amici miei, se volete che torni a parlare di politica, basta che me lo dite! Tutto il tempo dedicato a diffondere una cultura - ma che dico cultura, sarei presuntuoso - un'infarinatura di giardinaggio, è stato vano. Mi avete massacrato! Va bene dichiarare che non si ha un "pollice verde". Ma quello serve per coltivarla una pianta, mica per riconoscerla! Scambiare alcuni fiori di Iris per Orchidee è come spacciare il cainano per uno statista, con tutto rispetto per l'Iris che provoca piacevoli sensazioni quando lo guardi mentre il cainano suscita ribrezzo solo a pronunciarne il nome!

08/05/13

Sarà guerra

Accendi il televisore e compare Letta o Fassina i quali, candidamente, affermano che il Governo di cui fanno parte vuole togliere l'Imu, anzi lo farà al più presto. Non si capisce come, con quali risorse intendano sostituirla e se, soprattutto, vogliono meglio regolamentarla con particolare riguardo alla "prima casa", come sarebbe giusto, oppure abolirla totalmente come vuole il Cainano, altrimenti stacca la spina che tiene in vita lo stesso Governo di cui fa parte. Soprattutto, si scordano di dire che è proprio la loro "maggioranza" ad averla introdotta un anno fa, firmando tutte le schifose riforme e le micidiali tasse imposte dal governo dei sobri tecnici. Allora, infastidito, cambi canale è compare il Cainano che seduto sulla solita poltrona, dedica parole piene di sentimento a quelli che prima definiva "comunisti coglioni" e che oggi sono alleati di governo, intento a far dimenticare chi è stato e quali responsabilità ha ancora oggi. E' travestito da grande statista e punta al Quirinale dove, a modo suo, vuole arrivare. Non nomina mai il governo dei sobri e neanche Monti, eppure li ha sostenuti ed ha votato ogni porca riforma degli stessi.