21/03/17

Meglio tardi che mai

E' ciò che ho pensato, apprendendo da alcuni quotidiani che molti militanti ed elettori del Partito Democratico si starebbero ribellando all'ultima porcata del partito che fino ad oggi, malgrado tutte le porcate già fatte, hanno sostenuto.

14/03/17

Patetico e illusorio

In sintesi accadde che i renziani, forti del sostegno dei gentiloniani, dei franceschiniani e degli orfiniani, stettero ad ascoltare con malcelata ironia i martiniani, i cuperliani, i lettiani, gli orlandiani, i bersaniani ed i dalemiani. A metà della discussione, a sorpresa, comparvero anche i prodiani ed i veltroniani. Per giorni e giorni discussero, furono condotte trattative tra questa e quella fazione, si promisero alleanze e poltrone ed alcuni tra loro minacciarono la secessione. Giurarono secessione! I renziani, per privilegio di casta, insultarono capi e capetti di ogni fazione. (continua la lettura)

09/03/17

Percorsi

Ieri mattina, dal nostro Ernest, ho avuto modo di leggere un'interessante post dallo stesso titolato "C'era una riVolta". Si, scritto proprio così, con la "V" maiuscola. Ernest, nella sua riflessione, ricordava il movimentismo tra gli anni 60 e 70 per poi volgere lo sguardo al piattume ed al vuoto sociale che caratterizza la società dei giorni nostri.

21/02/17

Il pendolare (2)

Recentemente ho proposto alcune riflessioni sull'argomento "Pendolare" ed il nostro Ernest, pur non avendo vissuto questa esperienza, ha commentato enunciando una verità oggettiva, ossia che il pendolare si riconosce "dallo sguardo stanco, dall'essere ormai esperti del ritardo dei treni e dei messaggi incomprensibili di Trenitalia".

14/02/17

Cose da fare, subito

Emergenza terremoto. Emergenza neve. Emergenza freddo. Emergenza incendi. Emergenza siccità. Emergenza lavoro. Emergenza giovani. Emergenza anziani. Emergenza caldo. Emergenza rifiuti. Emergenza immigrati. Emergenza vissuta come normalità. Annoiato e infastidito dalla classe politica italiana, totalmente incapace di affrontare e mettere fine alle tante "emergenze" che affliggono il quotidiano vivere di milioni di cittadini di questo nostro Paese rivolgo lo sguardo altrove, nella speranza che da quanto sta accadendo oltre i nostri confini possa, finalmente, conseguire qualcosa di positivo anche per noi. (continua a leggere)