01/04/09

Aprile in giardino

Finalmente si cominciano a sentire i primi tepori primaverili mentre le giornate si "allungando", illuminate e riscaldate dal sole per molte più ore!! Tutto ciò, crea un meraviglioso risveglio della natura che, tra gemme e fiori, si prepara ad esplodere in tutta la sua bellezza nei prossimi mesi.


In giardino, i lavori di preparazione "importanti" dovrebbero essere stati già eseguiti nel corso dei mesi precedenti tuttavia, per i soliti ritardatari, oltre alla pulizia del manto erboso che mi sembra necessaria, è ancora possibile effettuare qualche "leggera" potatura, facendo attenzione a non asportare rami fioriti.
Se conservate qualche pianta in serra fredda, da questo mese potete portarle all'aperto. Quest'anno, dopo due precedenti tentativi miseramente falliti, sono riuscito a riprodurre, per talea, ben 11 nuove piante di ortensia, 5 di margherita e 7 di lavanda!!! Tutto ciò, grazie alla giusta esposizione che, nei precedenti anni, non avevo indovinato!! Ancora una volta, ho avuto conferma che leggere un "manuale" è importante per conoscere le nozioni ma è la "pratica sul campo" e la successiva esperienza che se ne ricava che permettono di ottenere i "risultati" !! Immagino che per molti non sia comprensibile ma, per me che amo la natura, è una gran soddisfazione veder spuntare queste nuove piantine... da un rametto tagliato e interrato in un vasetto, la scorsa estate!!
Date nuova sostanza nutritiva alle piante offrendo loro concime organico da interrare leggermente oppure concime granulare a lenta cessione, da spargere sul terreno. Procuratevi, inoltre, antiparassitari e fungicidi adatti alle piante che avete in giardino: se dovessero servire, avrete a disposizione un "pronto intervento". Se, infine, avete piante da mettere a dimora in terra o spostare in un vaso più grande, fatelo subito... o mai più per quest'anno.
Molte fioriture sono già in corso ma nei primissimi giorni di questo mese potete considerare l'eventualità di preparare nuove aiuole e di ampliare o modificare quelle già esistenti. Inoltre, sempre nei primissimi giorni, potete mettere a dimora i bulbi a fioritura estiva. Infine, se anche il tappeto erboso necessita di cure, sarà possibile distribuire del seme per infoltirlo.
Precedentemente ho accennato all'eventualità di dover procedere a trattamenti "antiparassitari". Vorrei brevemente approfondire, perché ritengo che l'uso di un prodotto "creato" per fronteggiare l'insorgere di parassiti sulle nostre piante, deve essere un'operazione fatta con scrupolosa attenzione. Con l'arrivo di temperature più miti è possibile che le nostre piante vengono "assalite" da particolari parassiti che, se non fronteggiati adeguatamente, possono portare le nostre piante alla distruzione completa. Una pratica molto diffusa per evitare ciò, sono i trattamenti preventivi.
Questi, come è facile desumere, sono eseguiti quando non esiste una reale necessità ma temiamo che possa avverarsi. Vengono generalmente effettuati con prodotti "chimici" che, comunque, possono essere utilizzati anche per interventi mirati e specifici, nel momento in cui si scopre l'infestazione di parassiti. Quando si usa questo tipo di "insetticida" è bene ricordare che i trattamenti vanno evitati, "come la peste", durante le fioriture poichè sono dannosi anche per gli insetti impollinatori.
Inoltre, tutti i trattamenti con prodotti insetticidi (chimici) possono essere nocivi per i germogli delle piante, per l'uomo e per gli animali. Conseguentemente, per effettuare un trattamento con insetticidi chimici è bene scegliere una giornata poco ventosa, così da non spargere il prodotto stesso dove non serve. Inoltre, è bene indossare una mascherina che copra naso e bocca, così da evitare di inalare il prodotto stesso. Consigliati sono anche guanti resistenti alla corrosione chimica e vestiti adatti a coprire tutto il corpo, così da impedire qualsiasi contaminazione della pelle. Stessa attenzione va dedicata agli animali domestici, nel senso che non dovete mettere la "mascherina" anche a loro ma tenerli a sufficiente distanza, in modo che non entrino a contatto con i prodotti che state usando.
In alternativa ai prodotti chimici si può valutare l'uso di prodotti così detti "biologici", molto diffusi da chi pratica  l'agricoltura che viene definita, appunto, biologica. Un vivaista esperto, saprà sicuramente consigliarvi sui prodotti più adatti. Caratteristica di queste "sostanze" è che non sono dannose per l'uomo, per gli animali e per gli insetti utili. Inoltre, chi adotta questo "sistema", parte dal principio che la lotta ad eventuali parassiti va fatta solamente in caso di necessità reale, escludendo conseguentemente i trattamenti preventivi ma effettuando solo interventi mirati e specifici.
Zolfo o poltiglia bordolese contro i funghi, macerati di propoli o sapone di marsiglia contro gli insetti, trappole a feromoni, implementare la presenza di insetti utili come le coccinelle che ci aiutano nelle difesa del nostro giardino dagli afidi, sono tutti sistemi riconducibili ad una "gestione" biologica del nostro angolo di verde.

36 commenti:

  1. weeeeeeeeeeeeeeee ciao carlo no nessuno scherzo oggi ^__^ puoi stare tranquillo

    RispondiElimina
  2. Ciao Carlo,
    azz, avessi spazio pianterei di tutto, in primis...una bella pianta di Melagrani, poi una di limoni e tante cose buone da mangiare.
    Tu vivi in campagna?

    RispondiElimina
  3. Quasi invidio questo pollice verdissimo, io ho il problema di considerare le piante come un ornamento (quando mi va di considerarle cosi), quindi spesso e volentieri o le distruggo con qualche azione piratesca quando mio marito non mi vede (lui adora i fiori e quant'altro), oppure semplicemente camuffo di annaffiarle. Cioè, le annaffio tutte tranne una, che non vedo l'ora muioia. E la lotta è tra me e mio marito che ogni tanto va a tastare la terra e s'accorge che ho bluffato (rido).
    Sono certa che mio fratello leggerà i vostri auguri, e così anche il tuo. E' un mio lettore appassionato spesso in silenzio, dietro le quinte.
    E' bello che tu sia riuscito, con le stesse poche parole che hai riferito a me, a carpire quel che è il nucleo di tutto. Ho la profonda convinzione che la terra e tutto il resto abbiano una qualche influenza in subcoscienza sul nostro nascere e sul divenire con gli anni. Lui t'assicuro è l'unica persona che conosco capace davvero, ma davvero e non sporadicamente o per apparenza, di sorridere sempre, di essere positivo, scherzoso, compagnone. Estroso ed estroverso, originale. A differenza di me, che ho il vizio della selettività, e le rughe dell'espressione accigliata al centro degli occhi.
    Un saluto di buona giornata, e buon giardinaggio.

    RispondiElimina
  4. Buongiorno, Carlo :-)
    Forse da te il tepore primaverile si fa sentire... qui non ancora.
    Ma c'è da dire che il mese scorso è stato meraviglioso vedere piante di mimosa in fiore :-)
    Un abbraccio :-)
    Imperf

    RispondiElimina
  5. Ciao Carlo, grazie del commento, più siamo a urlare e meglio è.
    Senti, visto che hai il pollice verde, che ne dici se ti assumo come giardiniere?
    Un caro saluto Nadia

    RispondiElimina
  6. hey ciao,ti comunico che ho già provveduto a pulire il prato(non ti dico la fatica!!!)ho comprato i prodotti che mi avevi consigliato,e se il tempo tiene domenica passerò all'ultima fase con il concime,più avanti scatterò una foto al praticello,anzi meglio fare il prima e dopo la cura!!!!!
    Dai che c'è il sole,che bello!!!!!!
    a presto!

    RispondiElimina
  7. La vista del verde di questi tempi mi fa impazzire. Penso di aver sprecato la mia vita per tutto il tempo che gli sono stata lontana. Ma devo accontentarmi del grigiore del mio mondo purtroppo ! Il verde lo sogno soltanto o al limite lo vedo in una giornata speciale.Meglio raramente che mai. Corinina

    RispondiElimina
  8. Non voglio rovinare il tuo profum di primavera, con l'odor di politica, parola che inquina con le sue "porcate" quel che resta di una natura sconvolta, (ma sempre bella) dall' uomo senza scrupoli.. Buona giornata anche a te.
    Saluti Roberto

    RispondiElimina
  9. weee pesce d'aprile 2!!!!!

    RispondiElimina
  10. io pessimo? naaa incorreggibile piuttosto

    RispondiElimina
  11. don luciano02/04/09, 03:50

    Ciao Carlo. Quando si smette di amare o si perde una persona amata ci si ritrova ad essere vecchi,e il nostro cuore diventa più arido. Questo racconto è molto vero e lo sento vicino alla mia vita.
    C'era una volta un vecchio che non era mai stato giovane. In tutta la sua vita, in realtà, non aveva mai imparato a vivere. E non avendo imparato a vivere, …..
    Ti aspetto sul mio blog e conoscere il tuo parere.

    un abbraccio
    don luciano

    RispondiElimina
  12. n'giorno carlito weeeeeeeeee ciaoooooooooooo

    RispondiElimina
  13. noto che sei ben ferrato in materia carlo, ok facciamo cosi dato sfondi una porta aperta inm materia di sicurezza personale, tiu di ragione, resta il problema della linea politica quali soluzioni la sinistra ha praticato per battere berlusconi? piccolo appunto se me lo concedi carlo, chè era di destra fino a un decennio addietro pendsa un po subiva la medesima condizione in modo anche peggiore, perchè vedi carlo, sai che dicevano i comunisti? uccidere un fascio non è reato, se ora non è più cosi mic è merito della sinistra ciò detto com'è che dicio che la destra va d'accordo con la chiesa? avendone frequentato paercchia fdi gente di destra so bene che non è cosi ma non importa, tanto di la si puà essere cattocomunisti di quà vietato essere cattofascisti guarda un pò, quanto alle accuse che dici avertio rivolto beh avrei piacere di sapere quali sono, dici che non sono libero? ok meglio non essere libri in questo sistema che essere prigionieri di sistemi comunisti, sostanza, se le ronde sono uscite allora c'è una esigenza, se esiste una esigenza allora c'è una deficenza dello stato non è cosi? si è cosi e che piaccia o meno al comunista l'ha percepito ancora una volta prima la destra ecco ciò che non capite

    RispondiElimina
  14. Grazie Carlo sei sempre molto carino e gentile. Ho deciso ti assumo subito? :-)))
    Una abbraccio. Nadia

    RispondiElimina
  15. ok carlo, il fatto delle ronde dipende dal fato che la lega ha capito che c'era l'esigenza si sopperire in qualche modo allo stato in materia si sicurezza, mentr eche ha fatto la sinistra? stava giusto giusto ieri sera dicendo a gentilini vicesindaco di treviso che è incivile si chiama piero dansonetto il personaggio di sx che lo diceva, mica cercava di capire perchè no ecco il vizio della sx

    RispondiElimina
  16. esatto carlo la prima avvisaglia sono le ronde poi ci saranno le cacce al ladro o al criminale poi ci sarà l0autentica rivolta del popolo che sfoci a dx o sx poco importa non è li il punto, il punto è che la democrazia nasce debole, vive indebolendosi muore per inedia lo teprizzano in tanti

    RispondiElimina
  17. Ciao carlo mi son letto un po di questo scambio... Prima di scrivere bisognerebbe prima sentire cosa pensano i comunisti e non andare per luoghi comuni... ma tanto è sempre la stessa cosa, parole parole senza a volte capire che i comunisti dicono la stessa cosa, mentre quelli che stanno dalla parte di chi parla fa l'inverso.
    Eh vabbè come hai detto tu siamo appestati, ma quando conquisteremo qualche altro pezzo di libertà la storia come al solito ce ne darà merito fino a quando non torneranno di nuovo a riscrivirla, in modo che gli appestati siamo sempre e cmq noi.
    ciao

    RispondiElimina
  18. dalay bello potresti pure venire da me a dire ste cose non credi?

    RispondiElimina
  19. Ciao Carlo, che faccio? commento sul giardino o sulla sicurezza? Mah! Ho seri dubbi che con più polizia staremmo più tranquilli.
    Le botte ci vogliono....... le botte!
    Ciao a presto

    RispondiElimina
  20. buongiorno Carlo, mi sto accapigliando con il cavallo pazzo dell'est...
    anche tu???

    RispondiElimina
  21. weeeeeeeeeeeeee buon week end fannulloneeeeeeee

    RispondiElimina
  22. Carlo anche a me piacerebbe senza tensioni sociali, ma io credo che ormai non sia più il tempo. Loro giocano sulla nostra pelle. Ieri sera ad annozero cera Della Valle che mi fa la disamina della crisi, parlando di solidarietà per i lavoratori... solidarietà?! cioè capisci come industriali e politici di destra centro sinistra parlano. No, si deve cambiare e basta senza mezze parole e senza compromessi, perchè ogni compremesso va solo a svantaggio nostro. Questo "politicamente" nn si può fare. Perchè il potere nn lo abbiamo in mano noi e cm ti accorgi la gente è ceca e sorda per comprendere come cambiare "politicamente". La tensione già c'è, il governo ci sta giocando sulle provocazioni alla piazza (coscientemente lo fa), ma la strada da percorrere è quella perchè politicamente non c'è nulla da fare, nessuno da una soluzione di cambiamento ma stanno solo rattopando ed a pagare siamo sempre noi e continueremo ad esserlo sempre noi. Solo con una forte mobilitazione di piazza, anche con qualche azione dimostrativa dura nei confronti del potere. Sulla violenza, carlo, nelle manifestazioni capitano certi episodi ma non ci si può fermare per qualche vetrina di banca rotta, anzi quella è un azione appunto dimostrativa... Rivolta già c'è, anzi in italia nn abbiamo visto nulla... ancora. E la tv nasconde quel poco che c'è. Carlo, "democraticamente" chi può cambiare le cose, il centro sinistra amico di imprenditori banchieri ed assicurazioni? il centro destra e nn aggiungo niente? chi? Comunisti che stiamo cercando di ripartire e che cmq siamo fuori? Loro hanno il potere in mano, noi possiamo solo opporci e scontrarci in modo da far aprire gli occhi al resto della gente, che prima o poi dovrà mettere il naso fuori dalla finestra e vedere migliaia di operai senza lavoro, migliaia di studenti senza certezze per il futuro, migliaia di ragazzi sfruttati con il precariato ecc...Molti ancora non hanno preso coscienza di ciò che sta accadendo, si fermano alla tv, ma non capiscono che questo è il fallimento del capitalismo. Ma loro non vogliono cambiare, quindi siamo noi a doverli costringere proprio con la piazza, poi la violenza che può uscirne è un male necessario.
    Io spero che capisci cosa voglio dire, io non sono violento e odio la violenza sempre, ma il momento è quello di prendere in mano la situazione e se dimostrazioni ci devono essere e se violenza accadrà è solo conseguenza di questa situazione e non piacere di far botte. Il fatto è che nn vedo altre vie d'uscite. Se ci sono sarò il primo a dire meglio fare così che andare in piazza a spaccare le vetrine di una banca.
    Ciao Carlo

    RispondiElimina
  23. Buon fine settimana, Carlo....
    Qui, su questa piattaforma, noto troppe persone con la verità assoluta in mano..... mah!!
    Vabbè... passatela bene, ci si rivede la prossima settimana :-)
    Imperf

    RispondiElimina
  24. Carlo, buona sera. Non ho una mail dove scrivere, quindi lo faccio qui, tanto non c'è nulla di male, se vuoi cancella tutto, io farei cosi, essendo off topic.
    Vedo di spiegarmi, se ci riesco.
    Si può rivoltare tutto senza battere ciglio, e dire che sono gli altri a non vedere la ragione e a non aprirsi alle novità, magari chiamare gli altri "figure", ma mai dubitare del proprio pensiero e della propria condotta, ne della propria correttezza.
    Si può giocare, ma sempre a carte scoperte, senza cambiare lo stato delle cose, facendo passare una cosa per un'altra.
    Per esempio, quando ho avuto lo scambio con l'ex (pare ormai) amico, mi aspettavo imparzialità, visto il mio e il suo atteggiamento, non di certo che qualcuno prendesse le mie parti, non avevo bisogno, ma mai quello che è successo.
    Io e lui ci siamo sempre beccati, ma la sua risposta ha messo fine ad ogni confronto con durezza, e io l'accetto.
    Ma da li a leggere su un blog di incazzosi e senza ragione...va bene per ogni occasione vero? Invece servirebbe un po di rispetto, scaricare i pregiudizi, andarci cauti, perchè non siamo poi tanto virtuali qui, e al di la delle battutine sul personale, capire quando si va giù pesante.
    Sai bene Carlo a cos'altro sono abituato, non sto qui a piangermi addosso, solo a farti capire che da una valutazione più onesta di "QUEL" frangente, ognuno, ripeto ognuno può ricavare qualcosa del proprio comportamento su cui riflettere. Io per primo. Ma non solo io.
    Non si comprende solo l'altro per andare d'accordo, quello è un sentimento errato e offensivo, si deve comprendere se stessi a volte.
    Io avevo solo lasciato un commento. E lui uno a me.
    Quanti rospi ingoio Carlo tra gli scambi che leggo, senza nomi ma più lampanti di un fulmine, io invece sono incazzoso per le volte che dico le cose in maniera forte? Ma sugli argomenti si ribatte, non sulle persone.
    Io posso essere uno che vuole avere ragione sempre, ok, ma perchè se ho torto non si dimostra senza offendermi, con degli argomenti?
    Li leggiamo tutti e si traggono le conclusioni, non c'è bisogno di tirare fuori i caratteri.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  25. E poi, se hai capito che per andare d'accordo con me devi darmi ragione, dammela e basta, cacchio, che ti costa? ; )

    RispondiElimina
  26. è molto bella l'arte del giardinaggio, essere partecipi del risveglio della Natura è meraviglioso e regala un senso di benessere :-)
    ..seguirò le tue lezioni ..importantissime!
    Ciao e buon WE

    RispondiElimina
  27. mm..invidio il tuo pollice verde...io purtroppo vivo il giardino come un imposizione...vabbè...buon WE..

    RispondiElimina
  28. Ciao Carlo carissimo, passa una buona domenica!

    RispondiElimina
  29. Io sono stato chiaro, non hai voluto comprendere.
    Sai bene a cosa mi riferivo, allo scambio che io ho avuto con Dalai qui, dove tu ti sei intromesso non sul tuo ma sul blog di un altro. E ovviamente contro di me, nonostante io sia stato offeso per una mia opinione semplice e schietta.
    Carlo, mi aspettavo meno parole e meno superiorità, un po più di onestà. Io la chiudo qui, con chi è fuori dal popolo delle figure e dal popolo pigro e bue non si può discutere, troppo forte l'orgoglio di essere sempre nel giusto.
    Arrivederci tu e i tuoi 50 anni che di tanto in tanto sbandieri come garanzia di superiorità.
    E pensare che ho sempre parlato bene di te, salvo poi essere sempre ripagato altrimenti.
    Ti invito a guardare bene i fatti.
    Quello che attribuisci agli altri, lo fai tu stesso.
    Sei infallibile come tutti quelli di sinistra, gli unici che hanno in mano la verità, vedono bene le cose, leggono bene i fatti, parlano addirittura meglio degli altri. Ma per favore, si potrebbe pure litigare, la passione per la politica e per la storia porta pure a quello. Invece si presenta sempre il conto caratteriale, e continui...

    RispondiElimina
  30. Lui si è arrabbiato con me dopo il mio commento, lo capisci o no, non io!!! €: /
    Io sono irascibile ma non vale per sempre, anche quando io sto buono e sbrocca un altro, solo questo cercavo di farti capire, che il pregiudizio ti ha portato ad una valutazione e uno schieramento errato, di cameratismo.
    Lo posso capire, ma deve essere chiaro.

    RispondiElimina
  31. E non ti voglio far ritardare al lavoro, che conosco bene il Renato, per un giorno mi è arrivata la visita fiscale, che mondo!
    Ciao.

    RispondiElimina
  32. Ora mi emoziono...pure io ti chiedo scusa per la puntigliosità, mannaggia all'adrenalina, da oggi la tengo sotto controllo.
    Ci credi tu? €; )

    RispondiElimina
  33. don luciano06/04/09, 18:21

    La tragedia che ha colpito la terra d’Abruzzo rivela quanto sia precaria la nostra vita. L’uomo è rimarrà sempre un povero perché la sua vita è tanto fragile e precaria. Ho pensato di trasmettere sulla Traccia una meditazione inedita di Madre Teresa di Calcutta letta dalla Masina. Si intitola proprio i poveri. Uniti nella preghiera agli amici colpiti da questa immane tragedia vediamo in essi il volto di Gesù e cerchiamo, quando sarà il momento, di non far mancare loro il nostro sostegno materiale. Vi aspetto domani sulla Traccia. Un abbraccio.

    Vostro don luciano

    RispondiElimina
  34. Ho letto solo adesso questo scambio che mi riguarda.
    A me dispiace che si verificano queste situazioni, ne ho già viste in passato sul mio blog e capisco ormai la situazione subito.
    Io vorrei solo aggiungere che io non ho mai beccato a teo, non lo faccio perchè non voglio entrare nel giro che mesi passati ho visto nel mio blog, l'ho fatto dopo uno scambio a mio avviso più forte del solito, per cui ho capito che cmq è inutile ogni tipo di discussioni in quanto le posizioni sono sempre le stesse, sarò io l'ancorato all'ideologia, non lo so può essere (non lo credo), ma se le discussioni cambiando le parole caso x caso restano in fondo sempre le stesse, le ritengo inutili. Quindi è stato teo a nominarmi ed ho voluto chiudere direttamente subito, per non finire in una situazione con cui io non voglio avere niente a che fare, sinceramente nn credo di aver mancato di rispetto ma ho solo voluto chiarire subito la mia posizione. E nn ho controreplicato per nn continuare, lasciando a lui l'ultima parola.
    Spero che fra te e lui non ci siano problemi per questa cosa.
    Un saluto cmq ad entrambi.
    Ciao

    RispondiElimina
  35. Dalai, nulla di male che ognuno di noi resti della propria opinione. Anzi, è straordinario, per quanto ognuno di noi la possa vedere (l'opinione)storcendo il naso. E nulla di male che tu abbia risposto con quel tono, è successo pure a me, lo sappiamo. E poi, in quel periodo che spero terminato, era ancora più comprensibile. Il problema era un altro ed è risolto, perchè compreso e accettato da persone calde ma intelligenti.
    Un saluto.

    RispondiElimina